Alberto Mucignat

Alberto Mucignat


Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)

agosto: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Categorie


Ciao Maestro

AlbertoAlberto

Qualche giorno fa è morto Luigi Meneghello. Assieme a Zanzotto, Rigoni Stern e su fino a Noventa e Calzavara, per me è una pietra fondamentale della cultura veneta del secolo scorso.

Oltre all’arcinoto I piccoli maestri (come al solito, il libro imparagonabilmente più bello del film), chi conosce il dialetto veneto deve leggersi Libera nos a malo, un capolavoro semisconosciuto che si dovrebbe studiare, o perlomeno leggere, a scuola.

Io ringrazio il Testa, che me l’ha fatto conoscere, assieme a tutti gli altri scrittori e poeti veneti. Ringrazio anche i tòsi che un compleanno di qualche anno fa mi hanno regalato Trapianti, una geniale traduzione dei classici inglesi in dialetto veneto by Meneghello.

Da quest’ultimo, trapianto anch’io qualche riga, qua sotto. A salutare l’uomo, lo scrittore, il poeta.

In sti ultimi tempi, tusi, ma no so parchè, go
perso tutto el morbìn, go stralassà le me usanse,
e me sento cussì malmesso che a mi sta bela
fabrica dela tera la me pare na scuàlida
protuberansa… Sto ecelentissimo baldachìn de
l’aria, tusi, sta maraveia de barchessa de ‘l
firmamento cuà parsora, sto gran coerto ricamà
de lucete de oro: ciò, a mi no la me pare gninte
altro che na turbia e pestilenta congregassiòn
de vapuri.
Casso, un omo! che capo d’opera ch’el zé, che
nobile el so giudissio, che infinite le capacità!
de figura e de ati, co che l’è s’ ceto e amirevole!
in assiòn, cuanto vissìn ai angeli! de
comprendonio, cuanto someiante a un dio! La
belessa del mondo! el pì togo de tuti i animai…
Sì, ma par mi cossa zè che la zè sta cuintessensa
de pòlvare? A mi l’omo NO ME PIASE: nò, e la
dona gnanca… Vedo ca fè un soriseto, ma ve
sbaliè…
(Amleto, da Trapianti, Rizzoli Editore)

Ciao… grande Maestro.

Comments 1
  • Tito
    Posted on

    Tito Tito

    Author

    Nessun commento, fin’ora, e forse il silenzio è d’uopo, ad un funerale. Ma se n’è andato davvero un grande, ed approfitto del tuo post, Alberto, per ricordarlo anch’io.
    “E’ stato” dice delicatamente Paolini, salutandolo (www.jolefilm.com/files/index.cfm?id_rst=7&id_elm=347).
    “Ha scritto”, aggiungo io, regalandoci parole indimenticabili.