Alberto Mucignat

Alberto Mucignat


Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)

giugno: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Categorie


Alberto Mucignat

Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)


media6

Piccole idee per gli editori online /2

Dopo i miei suggerimenti regalati al vento, segnalo l’utile pagina del New Yorker in cui ci sono tutti gli articoli di un giornalista. Magari non è come fare una micro-pubblicazione a tema, però già così potrei trovare tutti gli articoli di un certa firma, anche se me ne sono perso qualcuno. È un’idea talmente semplice che [...]

AlbertoAlberto

El Pais integra Twitter in homepage

Per la serie giornali online che ci provano (e bene anche), El Pais ha integrato i twitter dall’Iran nella propria homepage. Roba da mezz’oretta per uno sviluppatore alle prese con le API di Twitter. Merito però del responsabile del sito: integrare un servizio esterno e -soprattutto- sacrificare i contenuti di proprietà del [...]

AlbertoAlberto

Multimedialità dei giornali online

Piccola comparazione tra due diverse ricostruzioni multimediali: da una parte quella del New York Times a proposito dell’incidente aereo sull’Hudson, dall’altra il piano per l’insediamento di Obama, fatta da Repubblica.it. Non so se definirli “nuovi giornalismi”, come scrive Mantellini, piuttosto forse [...]

AlbertoAlberto

Un consiglio ai media

Di recente è scoppiata l’ennesima polemica tra mainstream blogger e mainstream media. A me, che non sono mainstream per niente, di tutta la querelle ha colpito una frase del commento di Anna Masera de La Stampa: “siamo pochi, il lavoro è tanto, e per “popolare” di news i tanti canali del sito capita di fare le [...]

AlbertoAlberto

Blog: la coda lunga dei mainstream

Enrico di EdTv parte dal livello di fiducia che gli utenti danno al blog come fonte di informazione (80%) e analizza il comportamento dei suoi utenti a proposito di un ipotetico “effetto Corona”. Quindi arriva alla seguente conclusione: Io sono un prolungamento dell’immaginario televisivo. Sono l’ambiente digitale dove [...]

AlbertoAlberto