Alberto Mucignat

Alberto Mucignat


Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)

novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Categorie


Tagli alla scuola pubblica

AlbertoAlberto

Per curiosità, ma anche per amore (visto che la mia Oli è a tutti gli effetti una precaria della scuola), stasera ho dato un’occhiata alla legge sui tagli alla scuola e l’ho confrontata con le finanziarie 2007 e 2008.

Non sono un esperto (anche se mi diverte consultare le leggi), quindi posso aver fatto degli errori grossolani, nel caso correggetemi pure:

Tagli scuola pubblica (dati in Milioni di euro)

Non capisco quale sia in realtà la spesa totale, quindi non si può nemmeno capire l’entità in percentuale dei tagli, che comunque mi paiono cospicui e mi preoccupano seriamente per l’educazione delle future generazioni.

Da profano, ho alcune osservazioni. La prima è che non mi pare che Fioroni ci fosse andato tanto leggero (anche se poi ha dimezzato i tagli). La seconda che in confronto alla Gelmini, Fioroni era un timidino.

La terza è che, probabilmente, alla fine di questo massacro, sopravviverà solo la scuola privata/cattolica, già abbondantemente finanziata dallo Stato.

Noti anche tu un piccolo paradosso?

ps: ne ha parlato anche Orientalia.

Comments 5
  • boh/Orientalia4All
    Posted on

    boh/Orientalia4All boh/Orientalia4All

    Author

    Hai notato anche tu eh? I tagli, come ho scritto, corrispondono al piano Marshall, e non l’ho scritto per esagerare ma perché l’hanno calcolato i ricercatori universitari.

    Ma la cosa assurda è che il costo della vita cresce, e quindi anche solo erogare le stesse somme sarebbe stato un taglio di fatto: ora è un massacro.

    E un abbraccio alla tua Oli, dille che ho finito il libro, che l’aspetto sempre a Milano e che quando scenderò a Roma mi piacerebbe conoscerla di persona che l’email non mi basta mica…!:)


  • olipal
    Posted on

    olipal olipal

    Author

    Saluti anche a te Enrica, lo so che ne hai parlato sul tuo blog e per questo ce lo siamo andati a vedere… da impazzire per trovare il testo in proposito, tra mille ‘vedi’ e distinguo abbiamo passato due ore a leggere leggi. Non ho trovato la parte che riguarda l’università invece. Tu sai come trovare l’entità dei finanziamenti alle scuole private?
    Lo so che hai finito il libro, bravissima! Ti leggo sempre, un abbraccio e a presto di persona.
    Oli


  • Alberto Mucignat
    Posted on

    Alberto Mucignat Alberto Mucignat

    Author

    Dovremo tutti prenderci la briga di leggerci le leggi, specie quelle in materia finanziaria. Ci si fa una cultura.

    Si può anche capire cosa ci faranno coi soldi dei tagli alla scuola pubblica.

    Per esempio la Legge 133/2008 (Art. 14 Comma 1) stanzia


  • Lele
    Posted on

    Lele Lele

    Author

    Il comitato scuola siracusa ha lanciato una petizione contro i tagli della riforma Gelmini-Tremonti.
    ecco il link:
    http://firmiamo.it/noaitaglinellascuola
    firmiamo numerosi!
    Lele


  • Edmondo Febbrari
    Posted on

    Edmondo Febbrari Edmondo Febbrari

    Author

    con preghiera di massima diffusione

    Salve,

    sono Edmondo Febbrari del Coordinamento Precari Scuola Nazionale, sezione di Ravenna, e scrivo per informarla della petizione che trova quì sotto.

    Spero anche lei possa firmarla e aiutarci a diffonderla. Non serve essere iscritti a questi sindacati per firmare.

    Un saluto dalla Romagna e

    buone feste

    edmondo

    http://www.petitiononline.com/edmondo/

    To: Cisl, Uil, Snals e Gilda
    Il CPS Nazionale prende atto che le OO.SS. Cisl, Uil, Snals e Gilda:

    – Si sono espresse favorevolmente all’entrata in vigore già dal prossimo anno scolastico della riforma, qualificandola come “un’esigenza ed un dato di necessità”.

    – Dal 30 Ottobre 2008 non hanno mai indetto uno sciopero contro il licenziamento di 150.000 lavoratori.

    – Hanno appoggiato l’approvazione del decreto “salvaprecari”che, oltre da essere inutile, è ritenuto dai precari della scuola un’offesa alla loro dignità.

    – Hanno appoggiato il nuovo sistema di reclutamento.

    – Hanno sottoscritto il nuovo modello contrattuale che non consente più il recupero dell’inflazione reale.

    Per i suddetti motivi i precari del CPS invitano Cisl, Uil, Snals e Gilda a mutare da subito la loro politica sindacale.
    In caso contrario si procederà alla restituzione della tessera sindacale.

    Coordinamento Precari Scuola Nazionale Sincerely, The Undersigned