Alberto Mucignat

Alberto Mucignat


Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)

settembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Categorie


Campioni del mondo – Galletti allo spiedo

AlbertoAlberto

Nonostante i buoni propositi, non ce l’ho fatta. Alla fine ho guardato tutte le partite, lo ammetto. Mi sono incazzato, ho goduto come uno scemo, ho avuto la tachicardia con la Germania, ho sonnacchiato tutta la finale aspettando i rigori e poi ho attraversato Roma in scooter, clacsonato per tutta la strada e ballato all’Alberone, dove un gruppo di afro-italiani teneva in ostaggio l’incrocio con bonghi e ritmi ubriacanti.

Poi sono andato a letto, finalmente contento, alla fine tutti i conti sono tornati. Ma manca qualcosa, mi sento ancora troppo poco appagato, in realtà gli ultimi 20 anni meritavamo di più. Ci siamo solo ripresi qualcosa che ci hanno tolto, o che ci era sfuggito di poco. Per questo ho festeggiato moderatamente.

Seguono altre considerazioni.
1. Vincere i mondiali dopo aver disputato molte finali, essere battuti ai rigori un’infinità di volte, espulsi e puniti altre volte, ecc ecc, anche se il nostro calcio è malato, è una cosa che ci meritiamo. Intendo soprattutto noi tifosi, grondanti sudore come frisoni sul divano di casa. Anche noi abbiamo fatto le nostre, in questi anni. Tanto che l’urlo del cronista, da “campioni del mondo” è diventato “è finita!” (4 volte), come dire che finalmente abbiamo finito di soffrire.

2. Pare che sono l’unico ad essermene accorto, ma abbiamo catenacciato tutto il mondiale, salvo qualche tempo di calcio vero. Tanto che dall’inizio ho bandito ogni ipocrisia decretando che siamo i catenacciari migliori del mondo. Anche il Brasile e la Francia ci hanno provato, ma noi i migliori: un gol su autorete, uno su rigore. Difendiamo in 10, ma abbiamo anche osato 4 attaccanti nei supplementari contro la Germania, che se andava male non avrei voluto essere nei panni di Lippi.

3. Germania onesta, rivali corretti, semifinale incredibile, rimane una grande avversaria. Ma la Francia (o come la chiamiamo noi, la United France Republic of the World) andava distrutta. E dopo tutte quelle che ci hanno fatto passare è una doppia goduria. Ai rigori e in faccia a Bartez è una goduria anche tripla. Mi spiace solo per Riveri, l’unico francese vero che ha la grinta di un Gattuso d’oltralpe. E per Thuram, il loro Cannavaro. Lo voglio comunque dire: preferivo vincere ai rigori con la Germania e vincere all’ultimo minuto dei supplementari con la Francia. Ma non si può avere tutto, nella vita.

4. Zidane che ci prende per il culo col cucchiaio su rigore (inesistente) in finale -lui che ha vinto di culo agli europei, giocando peggio di noi, vincendo con un gol ben oltre i tempi regolamentari- direi che si merita di venir sbattuto fuori, qualunque cosa abbia detto Materazzi. Un campione con la sua classe dovrebbe farsi amare, mentre lui è antipatico e anche un pochetto stronzo.

5. È stata un’Italia senza fuoriclasse, tranne forse Cannavaro. Ma è bello che abbiano vinto tutti, per una volta, non qualche attaccante alla moda: hanno vinto le facce vere come quella di Gattuso e di Grosso. Oddio, non avrei mai pensato di dover ringraziare Materazzi, ma il destino a volte fa degli strani scherzi.

6. Fuori scala, Lippi è tecnicamente secondo solo a Capello. Non capisco alcune scelte (Perrotta, per esempio), ma perlomeno erano volute, anche quella di prendere i tedeschi per stanchezza. Per la prima volta un allenatore che non è arrivato fritto al mondiale e che non ha riposto le sue speranze nell’acquasanta, ma nel proprio cervello.

Ora non resta che aspettare altri 4 anni, perchè nessun campionato o champions possono eguagliare un mondiale così, evento planetario infinito. Nemmeno quello del prossimo anno in terra di Francia.

Comments 7
  • daniela
    Posted on

    daniela daniela

    Author

    Cavoli! Alla faccia dei buoni propositi! Dalle tue considerazioni mi pare che te le sei proprio goduto ‘sto mondiale, altro che “forse lo guarderò”!

    Adesso aspettiamo solo la Juve in C e la magia sarà completata!
    Forza Udin!


  • Alberto
    Posted on

    Alberto Alberto

    Author

    il calcio è uno sport che abbiamo nel sangue, bene o male. quindi è normale che io perda la testa per un mondiale. e… me lo sono goduto tutto, fino in fondo. grandi! 🙂
    ps: juve e udin no importa, da oggi torno a guardare il rugby.


  • Massimo Moruzzi
    Posted on

    Massimo Moruzzi Massimo Moruzzi

    Author

    il rigotre non c’era? quale, il primo o il secondo? 😀

    forse non c’era il fuorigioco di Toni, ma era in fuorigioco un suo compagno (De Rossi, forse).

    E cosa c’è l’anno prossimo in terra di Francia?


  • daniela
    Posted on

    daniela daniela

    Author

    Credo il campionato mondiale di rugby, isn’t?

    Bè, guarderemo e tiferemo Italia anche in quello!


  • Alberto
    Posted on

    Alberto Alberto

    Author

    il primo non c’era, il secondo forse. cioè, uno come collina lo avrebbe fischiato sicuramente (il secondo, non il primo). il prossimo anno c’è il mondiale di rugby, roba da palati sopraffini. 😉


  • :: Mash-ups in italy ::
    Posted on

    :: Mash-ups in italy :: :: Mash-ups in italy ::

    Author

    VORREI SCRIVERVI LA TELECRONACA DEL POMERIGGIO DI LUCREZIA E MIO DI IERI!

    Ma sono cose che si devono fare con calma, respirando lungamente e riassaporando ogni attimo trascorso insieme.
    Io e la mia piccola principessa che -guarda caso- ha 4 anni, abbi…


  • Alberto Mucignat
    Posted on

    Alberto Mucignat Alberto Mucignat

    Author

    Stavolta ci riproviamo in un campo da rugby.

    Torna Troncon, il mio idolo personale. Scanavacca al posto di Pez. Io gioco estremo, as usual, al Finnegan. Niente Flaminio, stavolta. Di solito quando non ci vado vinciamo