Alberto Mucignat

Alberto Mucignat


Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)

giugno: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Categorie


Oltre il singolo designer

AlbertoAlberto

Qualche settimana fa (eh, c’ho gli arretrati) Cennydd Bowles ha scritto un post su A list apart in cui cerca di argomentare perché il processo UCD è forse inefficente per le esigenze odierne del designer (mia semplificazione, per capire bene leggersi il post).

L’amico Gianandrea Giacoma ha chiesto un parere a un po’ di amici italiani e qualcuno ha risposto privatamente, mentre Davide Casali ne ha scritto un post. Dico la mia pubblicamente, per piacere di discussione.

Leggendo tra le righe i punti che tocca Bowles, a me colpisce quanto per lui l’UCD sia un processo con alcune caratteristiche che rischiano di limitare il designer. C’è un problema di fondo in questo ragionamento: il fatto è che non possiamo pensare che il processo UCD ruoti solo attorno al designer.

Un processo di design coinvolge invece diverse figure: il designer, l’information architect, lo user researcher solo per citare quelle essenziali secondo me. Oltre a queste va aggiunto il business owner (che va considerato “parte del team di design”, sempre e in ogni caso, ma qui Bowles ha centrato il punto). Ridurre la scelta del processo alla sola figura del designer è quindi riduttivo e sbagliato.

Di più, io credo che il processo UCD sia un’assicurazione contro il self-design: si evita che un designer da solo possa influenzare il progetto a tal punto da fargli perdere la bussola, non solo in relazione agli utenti, ma anche al business, come spesso accade e come infine sottolinea Bowles.

In fondo, forse l’idea che il genius designer possa risolvere tutto non è solo un problema italiano, ma questo già lo sapevamo.

Comments 4
  • Davide
    Posted on

    Davide Davide

    Author

    Bentornato


  • Alberto
    Posted on

    Alberto Alberto

    Author

    Grazie, purtroppo il ritmo dei miei post risente del poco tempo libero che ancora mi rimane, ma fa piacere sapere che qualcuno ancora mi legge… 😉