Alberto Mucignat

Alberto Mucignat


Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)

ottobre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Categorie


Chino sul fatturato

AlbertoAlberto

La dura vita dello stagista ci viene spiegata da Matteo con amore paternalistico. Molte idee sono utili anche per i non-stagisti.

Comments 5
  • Matteo
    Posted on

    Matteo Matteo

    Author

    Ciao Alberto, grazie.
    Vedo passare tanti stagisti. Come sicuramente ne vedi tanti pure tu. Vorresti potergli trasmettere di più, ma non hai nè il tempo nè le risorse. Alla fine li vedi andare, il più delle volte, anche se meriterebbero qualcosa di più, almeno una chance in più.
    Anche la mia lista è buttata lì velocemente… Dovrebbe essere più accurata e sicuramente estesa.


  • Alberto
    Posted on

    Alberto Alberto

    Author

    è un po’ malinconico questo tuo ragionamento. tutti siamo stati stagisti, credo. io ho avuto la fortuna di essere una specie di stagista in un ente pubblico, quindi non so come sia in un’azienda, ma lo immagino, perchè anche noi abbiamo avuto degli stagisti.

    credo che alla fine l’importante sia che una persona, in ogni esperienza della propria vita, riesca a capire qualcosa. oppure a porsi le domande giuste.

    a pensarci bene il problema forse non è dello “stagismo”, ma del livello culturale italiano, della disaffezione al lavoro prima ancora di iniziare, l’idea dei soldi facili, la tivvù, ecc… tutto questo ci fa vedere uno stage come una cosa negativa. dal punto di vista aziendale invece è una cosa positiva perchè è una forma di sfruttamento a basso costo.

    detto questo, conosco “stagisti” che adesso hanno un lavoro. entrare in un’azienda significa avere (almeno) 1 possibilità, se uno è bravo.


  • Matteo
    Posted on

    Matteo Matteo

    Author

    Sono stato fortunato, ho saltato l’esperienza stage.


  • Paolo
    Posted on

    Paolo Paolo

    Author

    condivido la tua amara osservazione sulla disaffezione al lavoro e sull’idea del soldo facil, mi sento inoltre di aggiungere che esiste anche il fenomeno del dirigente che considera il novellino stegista come una persona solo da sfruttare, e non come una possibile sorgente da cui attingere nuove idee ed energie. Spesso i dirigenti non si rendono conto che la produttività di una persona non è sempre direttamente proporzionale agli anni di carriera o a quanto il lavoratore ha dimostrato di essere attaccato all’azineda.

    La retribuzione dovrebbe essere funzione di quanto si è utili all’azineda, e non in funzione dei legami di amicizia con i boss oppure di quanto si è disposti a obbedire agli ordini (talvolta insensati).

    (scusate se il mio post è diventato uno sfogo 😉 )

    buon natale


  • Luce
    Posted on

    Luce Luce

    Author

    secondo me lo stage è una cosa negativa, soprattutto quando non è retribuito. Ti assicuro che per alzarti alle 6.30 ogni mattina per andare a prendere ordine da gente che a fine mese non ti darà un euro ci vuole molta affezzione al lavoro e passione per quello in cui ci si è specializzati.