Alberto Mucignat

Alberto Mucignat


Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)

dicembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Categorie


La solitudine del businessman (insomma, vado in ferie)

AlbertoAlberto

Finite le ultime cose, da domani mi ritiro un po’ in friuli (montagne arrivo!) per poi proseguire verso altri luoghi nascosti in mezzo al mare.

Nelle ultime settimane ho battagliato con un trasloco, lavori di ristrutturazione, ben 4 matrimoni nei giorni di solleone, chiusura di progetti, stress e stanchezze varie, ecc. Le ultime fatiche le ho rivolte a strutturare Doralab per i mesi che verranno dopo agosto: da settembre sarà veramente impegnativo e ci saranno delle novità interessanti per il mercato italiano 😉

In questo periodo mi sono ritrovato spesso solo, a pensare a quello che sto facendo e al futuro. E ringrazio i pochi con cui riesco a confrontarmi (i miei collaboratori, i partner, gli amici): credo di avere attorno delle belle persone che stanno facendo un gran percorso, nonostante viviamo in un paese che cerca sempre di metterci i bastoni tra le ruote.

Insomma, caro lettore del blog (dicono che siate sempre più rari) ti lascio con un pensiero che ho letto qualche giorno fa nel blog del Folletto. Davide cita un articolo sulla solitudine e leadership tratto da una lettura di un professore a West Point, dal quale io ho tratto le mie personali considerazioni, as usual.

A parte le approfondite analisi su Cuore di tenebra (con il parallelo su Apocalypse now, di cui sono un esperto maniacale), trovo molto interessanti le osservazioni di Deresiewicz sulla necessità di solitudine per riuscire ad elaborare un pensiero critico e ragionare su noi stessi.

Per una volta non faccio citazioni, l’articolo è uno di quelli che va letti e basta.

Posso solo dire che stamattina, mentre facevo colazione da solo nel terrazzo nuovo, ho guardato il cielo e ho immaginato di essere in un bivacco di montagna. E ho capito perché mi fa bene andare in giro per le mie montagne: perché mi aiuta a lavorare sulla “solitudine dei pensieri”, che è una cosa piuttosto importante per chi fa il mio lavoro.

Insomma, amico lettore, avrai capito che son cotto e ho bisogno di riposare per ricaricare le pile. O forse ho solo bisogno che Oli torni dalla germania 😉

Comunque sia, ci si rilegge a settembre. Buone vacanze anche a te.

Comments 1