Alberto Mucignat

Alberto Mucignat


Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)

novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Categorie


Le linee guida per i siti della PA

AlbertoAlberto

Segnalo che sono uscite le linee guida per i siti web della PA (via Domizia su FriendFeed).

In particolare, il capitolo sull’usabilità sembra uscito dal mio blog, nel senso che (specialmente da cittadino) sono perfettamente concorde e felice di ciò.

Lo copioincollo tutto, a futura memoria:

4.4.2. Indirizzi sul design e usabilità

Rivolgendosi a una platea eterogenea ed estremamente differenziata (giovani, anziani, cittadini con diverso grado di scolarizzazione, disabili, utenti con scarsa dimestichezza nell’utilizzo degli strumenti informatici, ecc.), i siti web della pubblica amministrazione devono contenere informazioni e servizi facilmente utilizzabili da tutti.

Un sito pubblico deve quindi essere progettato considerando le esigenze di tutti gli utenti, qualsiasi sia la loro competenza informatica o abilità
fisica.

Un aspetto estremamente importante per tutti i siti della Pubblica Amministrazione risulta quindi l’usabilità dei propri servizi on line. L’usabilità non è una caratteristica intrinseca del sito, ma riguarda invece l’ambito dell’interazione tra l’uomo e il sito con il quale si trova a interagire.

L’usabilità deve essere dunque definita e creata nel corso della progettazione, verificata insieme agli utenti in un processo iterativo di controllo e correzione e, quindi, valutata alla fine del processo.

Sul tema dell’usabilità non esiste una normativa specifica a supporto, anche se il CAD stabilisce i principi generali per la progettazione dei siti web, ricordando che è obbligo delle pubbliche amministrazioni realizzare siti istituzionali che rispettino i principi di elevata usabilità e reperibilità, chiarezza di linguaggio e semplicità di consultazione.

L’obiettivo deve essere il miglioramento della qualità del sito e l’aumento della soddisfazione dei cittadini, a cui può fare seguito una riduzione dei costi di assistenza agli utenti e un perfezionamento dell’immagine complessiva dell’ente e della pubblica amministrazione in generale.

Per migliorare l’usabilità dei propri siti web, le pubbliche amministrazioni devono:

  • rispettare i principi di usabilità definiti dalla letteratura internazionale
  • effettuare test periodici con i propri utenti
  • attivare forme di ascolto dei cittadini per raccogliere eventuali segnalazioni sulle difficoltà incontrate nell’utilizzo dei servizi erogati on line
  • dare pubblicità circa test effettuati con gli utenti, in modo permettere la diffusione delle migliori pratiche.

Tra i benefit, in grassetto ho sottolineato e ribadisco:

Aggiungerei il miglioramento dei processi e delle persone che lavorano nella PA, ma accontentiamoci.

Dal punto di vista di processo sono anche lieto che si sia differenziato chiaramente non solo il lavoro di analisi (vecchio eufemismo per dire che si fanno un sacco di riunioni senza decidere niente), ma anche la parte di progettazione distinta dalla parte di sviluppo.

Altri punti degni di nota:

Adesso speriamo che alle parole seguano i fatti e che l’execution funzioni, dai siti importanti, fino a quelli delle PA locali.

Comments 4
  • Tassoman
    Posted on

    Tassoman Tassoman

    Author

    Ti segnalo anche le linee guida per i siti promosse dall’ente regione Emilia-Romagna:

    http://www.regione.emilia-romagna.it/lineeguida

    Sono online almeno dal 2007 ed attivamente aggiornate.


  • Alberto
    Posted on

    Alberto Alberto

    Author

    ti ringrazio e me le guardo bene. bene che siano aggiornate, ma la differenza, imo, è che il documento del governo richiede esplicitamente che ci sia un processo user-centrico, cioè che vengano effettivamente fatti dei test, interviste, ricerca con utenti, ecc. è diverso dalle semplici linee guida.