Alberto Mucignat

Alberto Mucignat


Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)

luglio: 2019
L M M G V S D
« Ott    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Categorie


IA fondamentale per l’enterprise

AlbertoAlberto

Dall’ultimo report Forrester (gratuito!) sull’Enterprise IA:

If you care about getting the right information to the right people at the right time, and you want to do it consistently across the enterprise, then you need to care about IA. If that isn’t enough to put IA high on anyone’s priority list, a solid IA practice is also fundamental to taking advantage of five of the 15 hot technology trends that Forrester has identified as fueling the next period of technology innovation and growth.

Proprio ieri un senior manager di un’organizzazione per cui stiamo riprogettando la intranet ha usato proprio queste parole: “I need the right information at the right time”. E mentre parlava io pensavo che era tutto un fatto di informazioni, strutture e progettazione dell’esperienza d’uso (mentre chi lavora alle intranet spesso pensa subito alla tecnologia).

A parte questa nota di esperienza personale, è la prima volta che al ruolo dell’architettura dell’informazione viene associata un’importanza del genere, individuando nell’IA una pratica chiave per un terzo dei trend tecnologici più importanti per le aziende.

Il report di Forrester è pieno di altri spunti interessanti, ma mi ha colpito che nella maggior parte delle organizzazioni l’IA è ancora in un “early stage”. La cosa si può spiegare con il fatto che la percezione del valore dell’IA è molto in là nel futuro:

For most established IA programs, value delivery is still in the future. Only 22% of the architects we surveyed who had formal IA programs said they were receiving demonstrable value from it. The rest have yet to see value or expect their biggest payback for their efforts to come in the years ahead.

Per molte aziende, se una cosa non porta valore immediato allora viene posticipata. Purtroppo l’IA, come la user experience in generale, non ha un ROI formalizzato e facilmente calcolabile (anche se è facilmente percepibile: basta provare a cercare qualcosa nella intranet aziendale).

Comunque, come dico da anni, il lavoro sulla IA è molto più rapido dei cambiamenti tecnologici:

…technology domains require hard work and some consensus building among IT subject matter experts (SMEs), but architects can crank out things like technology road maps and application patterns over the course of months, not years.

Infine, IA aiuta anche a definire la vision/scope del progetto, evitando di prendere direzioni diverse, per cui prendo in prestito l’ottima immagine che Forrester chiama Street-Level Strategy:

Tempo fa ho usato una metafora simile per rappresentare il valore dello user-centered design nella definizione della strategia di un progetto web: lavorare con gli utenti definisce una direzione in cui muoversi che minimizza gli errori.

Insomma, mi sono un po’ rinfrancato nel vedere che le pratiche che applichiamo (e predichiamo) da anni stanno diventando fondamentali per i business che contano.

Se volete saperne di più sull’architettura dell’informazione, vi segnalo il nostro Italian IA Summit che organizziamo ormai da 4 anni e che si terrà quest’anno a Pisa, il 7-8 Maggio. Ci saranno sicuramente casi studio sulle intranet e stiamo aspettando la conferma di IA-star internazionali di tutto rispetto.

Comments 2
  • Davide
    Posted on

    Davide Davide

    Author

    I expect the biggest payback for my efforts to come in the years ahead…credo molto in questa aspettativa 🙂

    Ad ogni modo vedo in prima persona la maturazione dell’IA all’interno del mio ambito lavorativo e questo è un bene