Alberto Mucignat

Alberto Mucignat


Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)

settembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Categorie


Ricerca e navigazione: due facce della stessa medaglia

AlbertoAlberto

Livia Labate ha scritto un post molto stimolante a proposito di Ricerca e navigazione. In particolare, mi è rimasta impressa questa frase:

Historically I had been taught and understood search and browse as distinct elements – which they are visually and from a UI elements standpoint – but from a behavioral perspective, they really are not, rather, they are part of a continuum. A spectrum of discovery behaviors if you will.

Ecco, da anni pensiamo che la navigazione sul sito e la ricerca interna siano due cose separate. Invece sono due facce della stessa medaglia, o meglio fanno parte di uno stesso “continuum” che Livia chiama “spettro del comportamento di scoperta” e che trovo una definizione illuminamte.

In pratica, non possiamo pensare che navigare o ricercare siano due cose diverse: l’utente ha sempre un obiettivo (un contenuto da cercare o un libro da comprare) e utilizza il metodo più efficace per raggiungerlo.

Dobbiamo quindi concentrarci sui comportamenti di navigazione/ricerca: analizzare e impostare il sito per supportare tali comportamenti.

Da tempo testo con gli utenti la trovabilità dei contenuti all’interno di un sito. E solitamente, invece di utilizzare i menu e i link, gli utenti preferiscono utilizzare la ricerca. È probabilmente un effetto della familiarità con l’uso di Google.

Di solito, un utente messo di fronte a un sito web con il compito di cercare un certo contenuto ha un comportamento talmente semplice da essere disarmante:

  1. cerca un link che sembra lo porti vicino al contenuto che sta cercando nei menu e nei link in homepage
  2. se non trova un link, cerca il form di ricerca interna e prova a fare una ricerca
  3. se non trova il form di ricerca o con la ricerca interna non trova niente, allora va su Google.

Spesso il processo con cui si passa dal punto 1 al punto 2 (e poi al punto 3) è piuttosto rapido. È uno dei tanti “effetti Google”: so che su Google di solito trovo quello che mi serve, quindi se un sito non è abbastanza veloce da portarmi a un contenuto pertinente, andare su Google di solito è la soluzione più efficace.

Insomma, nella mia esperienza la ricerca nei siti è molto sottovalutata, eppure è fondamentale per non perdere utenti. In effetti, il primo consiglio di usabilità generale è quello di avere una buona ricerca.

Il mio consiglio finale: se non avete una buona ricerca interna, utilizzate la ricerca nel sito di Google. Mal che vada l’utente ritorna.

ps: per i miei aficionados, ne avevo già parlato tempo fa in un post dal titolo: Il motore di ricerca migliore.

Comments 3
  • Tassoman
    Posted on

    Tassoman Tassoman

    Author

    Per avere una corretta indicizzazione, sia nella ricerca interna che in quella di google, bisogna comunque “scrivere per il web” correttamente sfruttando le parole chiave e le frasi giuste.


  • Alberto
    Posted on

    Alberto Alberto

    Author

    si, il content management è un altro punto importante, che viene sicuramente prima. ma qui si parla di “struttura” e di come “far trovare i contenuti all’utente”. parte tutto dal contenuto, ma se non strutturi bene la navigazione e la ricerca…