Alberto Mucignat

Alberto Mucignat


Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)

novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Categorie


Ritorno in vasca (ego-post)

AlbertoAlberto

Per assecondare i trattamenti dell’osteopata e riabilitare un po’ le cervicali-spalle-braccia, ieri sono andato in piscina. Ho smesso di fare agonismo da 10 anni ed era un anno che non nuotavo. In questa piscina vicino a casa mia fanno il nuoto giudato: cioè non esiste il nuoto libero, ci sono 5 insegnanti uno per ogni corsia e tu nuoti con quelli del tuo livello.
Entro, vado da una istruttrice e si svolge il seguente dialogo:
– io sono nuovo
– tranquillo, hai mai nuotato?
– io sono tranquillo, ho nuotato per anni, ma adesso è un po’ che non nuoto
– allora entra in prima corsia che vediamo un po’ come nnuoti…
Al suono “prima corsia” sono regredito al 1980, il mio primo corso di nuoto. Poi dopo è sempre stata un’escalation verso la corsia centrale. In prima corsia ci sono tornato qualche volta, è la corsia degli “sfigati” perchè ci sono un sacco di onde e il bordo, se nuoti a rana devi stare attento ai piedi.
Ricordo un 50mt stile libero in finale regionale assoluti (ma io ero ranista…) in prima corsia, arrivai quinto a sprpresa, se non ricordo male. Una volta in prima corsia accanto a Braida, triestino, campione nazionale a delfino, lui in seconda corsia per un caso, quando lo incrociavo dopo la virata l’onda mi spingeva quasi fuori vasca. Oppure a Firenze, campionati assoluti 1990 (?), staffetta 4×100 misti, frazione a rana, in prima corsia, mi giro e vedo Minervini sul podio in corsia 3, lui che ha fatto olimpiadi e mondiali mi guarda un attimo prima di slanciarsi in tuffo, ho percepito anche un sorrisino.
A volte in prima corsia ho vinto delle gare, è una soddisfazione doppia.
Quindi sono di nuovo in prima corsia, dopo tanti anni, però stavolta coi principianti perlopiù 30enni come me. L’istruttrice dice “10 minuti di riscaldamento”. Dopo 2 vasche mi ferma e dice: “è meglio se vai in corsia 3”. Comincio a sentirmi più a mio agio.
In corsia 3 mi accoglie un istruttore che mi osserva un po’, faccio altre due vasche, poi mi ferma: “ma tu nuotavi vero?”. “Non si notava?”, penso io. Rispondo: “si ma molti anni fa”. “Se vede che arrana c’hai scivolamento”, dice lui. Dalle ultime notizie, ho ancora un record regionale che regge: 100mt rana esordienti, 1′ 19sec, credo 1986 o giù di lì, non c’erano i decimi in quegli anni.
L’istruttore mi incalza: “mò te faccio divertì ìo”. Capisco l’antifona e rispondo: “beh io sono qui per fare riabilitazione, non vorrei forzare troppo”…
Finisco il riscaldamento e inizia a farci fare qualche “serie”, dopo un po’ mi chiede: “ma te interesserebbe de ffà parte della squadra dei master?”. Rispondo che per ora devo fare riabilitazione per i cervicali e le braccia, poi dopo “sinceramente non ne posso più di questa linea blu qua sotto, preferirei arrampicare, sai, l’aria aperta…”. “Vabbè tanto se ne riparla ‘a prossima staggione”. Meno male.
Dice Attila che forse dovrei darmi ai master: è pieno di gnocca e ci si diverte un casino. Si ma… anche i master viaggiano, c’è gente che a 70anni mi lascia dietro 20 metri.
Però nuotare è come andare in bicicletta, non si scorda mai. Scivolo in acqua e mi sembra che il tempo non sia passato. È come tornare a casa, sai che ci puoi tornare quando vuoi e che tutto è sempre lì al suo posto che ti aspetta.

Comments 2
  • Attila
    Posted on

    Attila Attila

    Author

    ricomincia a nuotare, fidati! il mondo dei master è vasto e meraviglioso! e gnocca a parte, si divertono veramente tanto, l’ho visto coi miei occhi… certo, devi prepararti all’onta di essere passato a doppia velocità da un sessantenne cazzutissimo che s’allena 5 ore al giorno e che magari si bomba pure (lo fanno, lo fanno!)… ma che vuoi che sia! dicono che l’importante è partecipare…


  • alberto
    Posted on

    alberto alberto

    Author

    guardi… sinceramente lei mi ha commosso. cmq è una vita che mi sento dire “l’importante è partecipare” 🙂