Alberto Mucignat

Alberto Mucignat


Random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia)

novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Categorie


Nuovi elementi dello user experience design

AlbertoAlberto

Fino ad ora il diagramma che meglio rappresentava il lavoro di progettazione della user-experience era quello di Garrett:

user_experience_garrett

È sicuramente un’immagine “operativa” che rappresenta efficacemente il processo in maniera lineare (o waterfall, se preferisci), dall’astratto al concreto.

Qualche giorno fa sono però incappato in un’altra immagine presentata all’IA Summit 2009 (quello mondiale) da Stephen Anderson, che lui chiama The fundamentals of experience design:

User experience design elements

È una visione un po’ più “alta” e meno operativa, ma è utile per rappresentare quello che l’immagine operativa di Garrett non riesce a trasmettere:

Activities can be anything you do, and aren’t necessarily task-focused (this is a problem I have with many of the UCD and Agile discussions). Consider passive experiences like reading The Onion, or entertainment experiences like iSteam. There’s a motivation for these activities, but there isn’t always an explicit task involved.

Questo è sicuramente uno dei punti chiave. Su siti editoriali o di intrattenimento è sempre difficile rappresentare le attività di “consultazione delle notizie” o il “cazzeggio puro” come dei requisiti, perché non sono dei task ben precisi, ma spesso dobbiamo tenerli presente poiché le motivazioni sono fondamentali nella progettazione del sistema.

Interessante anche la suddivisione nei due piani, quello più concreto (“chi sei?” e “cosa fai?”) e quello più motivazionale (“cosa ti succede?” e “perché lo fai?”). Per quest’ultimo saranno contenti gli amici che hanno sviluppato l’idea di Design motivazionale.

120

Comments 3
  • Gian
    Posted on

    Gian Gian

    Author

    Ciao Alberto, grazie della citazione. Si, siamo contenti perché da più parti emergono conferme a sostegno della centralità dell’utente (forse bisogna chiamarlo persona?) come sistema psichico e sociale che proponiamo con Design Motivazionale.
    Ma che vuol dire (si chiederà qualcuno)?
    Che in pratica crescente l’attenzione e la necessità nell’Interaction Design, nella UX di sviluppare e inserire modelli, criteri per analizzare e progettare la capacità di indurre determinati comportamenti negli utenti-persone con maggiori probabilità e sistematicità.


  • Dario Salvelli
    Posted on

    Dario Salvelli Dario Salvelli

    Author

    Grazie per la condivisione ragazzi, i vostri spunti sono sempre illuminanti. 🙂


  • Jacopo Romei
    Posted on

    Jacopo Romei Jacopo Romei

    Author

    Quello di Gianandrea sul Design Motivazionale è stato forse il mio talk preferito al Better Software 2009. Fu interessantissimo, esposto in maniera supersobria ed elegante.